Tag Archives: beat

Razionalismo e misticismo nella controcultura americana degli anni ’60

Nel 1962 il poeta beat Ed Sanders scrisse un virulento saggio intitolato An Essay against the Culture. Suo obiettivo principale erano i costituenti culturali dell’immaginario dell’Occidente capitalista e borghese, rinchiuso in una logica incentrata sui valori del profitto e del … Continue reading

Posted in '68 e dintorni, General, Stati di coscienza modificati | Tagged , , , , , , | Leave a comment

I LOVE RADIO ROCK di Richard Curtis

Inghilterra 1966: mentre impazzano Beatles e Rolling Stones, il governo vieta alle radio di Stato di trasmettere musica rock e pop. Un gruppo di dissidenti fonda una emittente pirata a bordo di una nave ancorata appena al di fuori delle … Continue reading

Posted in '68 e dintorni, General, Musica | Tagged , , | Leave a comment

LSD – Lucio Dalla

Il beat italiano, il bitt per dirla meglio, nasce più o meno il 17 febbraio 1965, il giorno in cui l’avvocato Alberico Crocetta inaugura una sala da ballo in via Tagliamento, a Roma; avrebbe voluto chiamarla Peppermint, alla fine la … Continue reading

Posted in General, Stati di coscienza modificati | Tagged , , , , | Leave a comment

LETTERA AL PARTITO

Egregio Partito, è perfettamente inutile che insista nel dichiarare, a destra ed a manca che Lei è all’opposizione della destra, della sinistra, del centro, del centro destra, del centro sinistra, della sinistra-sinistra, della destra-destra; Lei conduce solo una politica, quella … Continue reading

Posted in '68 e dintorni, General | Tagged , | Leave a comment

CHI SONO I CAPELLONI?

Beatniks, provos, ragazzi dell’Onda verde, capelloni e via di seguito. Intanto, beat è un’etichetta con cui si vuole definire un fenomeno che vuole invece essere multiforme, indefinibile. Perché se una cosa vogliono questi ragazzi dai capelli lunghi, la barba incolta … Continue reading

Posted in '68 e dintorni, General | Tagged , , | Leave a comment

Mondo beat

In una di queste feste, la prima, io mi trovai Gunilla Unger seduta su una gamba e Carmen Russo sull’altra, mentre m’ intrattenevo a parlare non ricordo più con chi di che cosa. Avvenne allora che a un certo punto … Continue reading

Posted in '68 e dintorni | Tagged | Leave a comment