Maggio ’68 era una festa

fumetto 1Era una festa senza inizio né fine; vedevo tutti e non vedevo nessuno, perché ogni individuo si perdeva nella stessa folla numerosa ed errante; parlavo a tutti senza ricordare le mie parole né quella degli altri, poiché la mia attenzione era attratta a ogni istante da avvenimenti e oggetti nuovi, da novità inattese. (Bakunin)

This entry was posted in '68 e dintorni, Critica Radicale, General, Internazionale Sitazionista and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *