La Montagna Sacra di Alejandro Jodorowsky

La montagna sacraIn una città senza nome, di sapore latino-americano, un povero cristo nudo e deriso, forse un ladro, penetra nell’altissima torre in cui vive un negromante da fantascienza detto l’Alchimista che trasforma in oro gli escrementi. Qui incontra nove persone, industriali, mercanti e poliziotti, che simbolizzano i volti più iniqui e perversi del potere. Rappresentano le sette facce di un prisma che racchiude in sé tutto il potere consumistico–politico-militare, votato alla più disumana oppressione delle masse. Inutile soffermarsi su ognuno di loro, basta rilevare che hanno in comune la depravazione sessuale, l’abuso del potere, le aberrazioni del consumismo, il condizionamento violento degli uomini per ridurli a macchine. Il vero problema per tutti e che pur avendo tutto, nulla possono contro la morte; a loro manca soltanto l’immortalità. Per conquistarlo i potenti si spogliano d’ogni avere e si mettono in marcia verso la montagna sacra su cui, secondo la leggenda, vivono nove saggi, che hanno sconfitto la morte e posseggono la perfezione. Guidato dall’alchimista il gruppo giunge alla mèta dopo infinite peripezie ma qui lo attende una sorpresa: i nove saggi sono fantocci. L’immortalità non esiste, spiega il mago, e qui siamo in un film: ciò che conta è la realtà. Impariamo ad usare questo bene prezioso.
Nel 1973 in alcune sale d’Essai è proiettato il film, La Montagna Sacra di Alejandro Jodorowsky: le allucinazioni fatte ad immagine, la dissacrazione della retina. Il film visto da pochi fricchettoni diventa leggenda. E’ riproposto alla fine degli anni 70’ nei cineforum; questa volta gli spettatori/predatori/viaggiatori educati dai fratelli maggiori giungono preparati: imbottiti di LSD, chi fumato o fumante e la visione diventa collettiva, lo spettatore vestito come tutti diventa l’uomo panico, il clown, proprio come le logiche non aristoteliche, come i quadrati di carta, hanno la possibilità di mutare, sono capaci di deformarsi, di far da struttura, di avere un pensiero multiplo.
Gran parte del terrore moderno nei film dell’orrore è rappresentata con immagini di cose informali. Il magma, la putredine, il misterioso non ha forma: E per gli uomini vestiti come tutti, il non aver forma è simbolo dell’orrido, della perdita di se stessi. Viceversa l’uomo panico tenta di liberarsi da tal educazione condizionata e cerca l’euforia come un mezzo per uscire dalla prigione dove lo hanno chiuso i suoi genitori.
Il film è insieme una parodia dello spaghetti western, un lisergico romanzo di formazione, una feroce satira sociale, una straziante poesia per immagini, un manifesto avanguardista, un sogno contorto, un tentativo riuscito di scavalcare i confini di tutte le convenzioni cinematografiche, l’atto di fondazione di un nuovo misticismo iconoclasta e una colossale presa per i fondelli.

la montagna sacra 1

 

This entry was posted in General, Stati di coscienza modificati and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *