Locoismo II

reindeer1Un caso noto da tempo di animali dediti all’uso di una droga psicoattiva riguarda le renne della Siberia, che si cibano del fungo allucinogeno Amanita muscaria (agarico muscario). Si tratta del fungo allucinogeno per eccellenza, il bel fungo delle fiabe dal cappello rosso cosparso di chiazze bianche. Le origini del suo utilizzo umano come inebriante si perde nella notte dei tempi e i dati archeologici ed etnografici hanno dimostrato la difuisione di questa pratica in Asia, Europa e nelle Americhe.
Questo fungo cresce sotto certi tipi di alberi, in particolare conifere e betulle. Durante l’estate siberiana, le renne si cibano fra l’altro di un insieme di funghi, ma il fungo preferito è l’agarico muscario che cresce nelle foreste di betulle. Esse vanno letteralmente a caccia di questo vistoso fungo e lo cercano proprio per lo stato di ebbrezza che procura loro. Dopo averlo mangiato, corrono di qua e di la senza un apparente scopo, fanno rumore, contorcono la testa e si isolano dal branco. Il più piccolo morso di agarico muscario induce nelle renne un vistoso stato di ebbrezza, caratterizzato dalla contorsione della testa, che è una delle manifestazioni più difuise fra gli animali che si trovano in uno stato di ebbrezza.
È noto che negli uomini che si cibano di questo fungo la loro urina diventa anch’essa allucinogena. Fra le popolazioni siberiane v’era il costume di bere l’urina di chi si inebriava col fungo per conseguire un’ebbrezza ulteriore, a quanto si dice più potente di quella ottenuta con il fungo. Anche le renne “vanno matte” per l’urina di altre renne o degli uomini che si sono cibati dell’agarico muscario. Anzi, le popolazioni siberiane avrebbero scoperto le proprietà inebrianti dell’urina osservando il comportamento delle renne. Ogni qualvolta le renne percepiscono l’odore dell’urina nelle vicinanze, si precipitano su di essa, ingaggiando fra di loro delle battaglie per ottenere i primi posti attorno alla “pioggia dorata”.
Anche gli scoiattoli e i tamia striati vanno alla ricerca e si inebriano con questo fungo, allo stesso modo  molto probabilmente, come si vedrà più avanti  delle mosche.
Altri grandi ricercatori dell’ebbrezza fungina sono i caribù del Canada. Durante le loro migrazioni questi animali si muovono in una lunga fila indiana. Quando la colonia passa vicino a un gruppo di Amanita muscaria, le femmine adulte se ne cibano avidamente. Nel giro di una-due ore questi caribù abbandonano la colonia e corrono agitando i loro posteriori in maniera goffa e contorcendo la testa. questo comportamento ha un certo costo per il branco, poiché così facendo le madri lasciano incustoditi i piccoli, che rimangono di frequente vittime dei lupi. Anche le madri inebriate che restano isolate dalla colonia sono a volte vittime dei lupi. Giorgio Samorini

Ti potrebbe anche interessare:

torocop

 

 

This entry was posted in Stati di coscienza modificati and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *